foto 3

La potatura è un appuntamento annuale cui non ci si può sottrarre. È importante tanto quanto la raccolta delle olive. La potatura secca, o d’inverno, comprende la maggior parte delle operazioni di potatura. Questa tipologia si effettua nel periodo di riposo vegetativo, tra gennaio e marzo. Ogni zona olivicola tiene conto della terra, del clima e delle cultivar, dell’età dell’ulivo e della sua eventuale risposta. Da questi elementi, ne deriva un certo “sistema di potatura”. Tutti hanno in comune l’attenzione a non far crescere rami all’interno della pianta, lasciando che luce, aria, sole e perfino uccelli ci possano passare dentro. E tutti i metodi mirano a distribuire la produzione del frutto sui rami e favorire l’accrescimento della pianta soprattutto nel periodo in cui la produzione è meno abbondante. Dobbiamo però valutare che ogni pianta “risponde” alla sua maniera. Ma la potatura tiene conto di diversi elementi tra cui anche della pioggia, che quando cade può danneggiare il ramo tagliato, per questo consiglio: 1) tagli nel senso contrario rispetto alla gemma; 2) tagli di rami con diametro contenuto, in quanto la cicatrizzazione dei rami toglie “energie” a tutto l’apparato radicale; 3) tagli più frequenti ma mirati e leggeri. https://www.coltivazionebiologica.it/potatura-olivo-tecniche-e-accortezze/ 

Related Posts

Write a comment